Mercoledi 29 giugno 2016

ecoera

Banner
  • Home
  • ecoNews
  • News dalle Aziende
  • Associazioni e consorzi
  • Eventi
  • Approfondimenti
  • Rivista
  • Libri
  • Pubblicità
  • Contatti

ECONEWS

Genova, sversamento petrolio: allarme inquinamento

original

Allarme inquinamento a Fegino, nell'entroterra di Genova, per uno sversamento di greggio dall'oleodotto Iplom. Migliaia di litri di greggio sono fuoriusciti domenica sera verso le 19 dall'oleodotto che dal porto Petroli di Multedo, passando da Fegino, scorre sino a Busalla e sono finiti nel torrente Polcevera e in mare.

Passi avanti per il credito d'imposta sulle bonifiche dall'amianto nelle imprese

bonif

Esperti del ministero dell'Ambiente e di quello dell'Economia, insieme con l'agenzia delle Entrate, si incontreranno nei prossimi giorni a Roma per proseguire «il confronto tecnico avviato per elaborare un testo definitivo» per l'applicazione del credito d'imposta sulle bonifiche dall'amianto in beni e strutture produttive. Misura prevista dal Collegato ambientale alla legge di Stabilità 2016 approvato in via definitiva dalla Camera il 22 dicembre scorso.

Rifiuti, acque minerali e riciclatori insieme per dare nuova vita alle bottiglie

bottiglie

Nasce Coripet, un consorzio autonomo, alternativo a Conai e Corepla, per la raccolta e la rigenerazione degli imballaggi in Pet di acqua e soft drink. Il ministero dell’Ambiente dovrà dare il via libera entro tre mesi.

Il Ghana è la discarica mondiale dei rifiuti elettronici, e paga un caro prezzo in termini ambientali

GHANA-E-WASTE

Il Ghana, splendido paese che affaccia a nord del Golfo di Guinea in Africa occidentale, vive da diversi anni una crescita economica interessante: il paese deve infatti una parte della sua fortuna allo smaltimento dei rifiuti elettronici, per i quali il paese africano rappresenta un importante centro di ricezione, riutilizzo, recupero e smaltimento.

Arexpo, accordo da 87 milioni per la bonifica dell'area Expo

Smantellamento-Expo

L’accordo è stato raggiunto dopo giorni di trattativa serrata. Definito l’altra notte fra i legali delle due parti, ieri è stato ratificato sia dal collegio dei liquidatori di Expo che dal consiglio di amministrazione di Arexpo presieduto da Giovanni Azzone. Un pacchetto (per ora) da 86,6 milioni di euro. Come sono ripartiti? La società proprietaria dei terreni verserà alla spa che ha gestito l’evento anzitutto i 75 milioni di euro previsti dall’accordo quadro.

Rinnovabili: consorzi bonifica e solare, 46 centrali e oltre 2 mln kWh

realizzazione-impianti-fotovoltaici_1240_440

Secondo i dati Iea, agenzia dell’Ocse, l’Italia è prima al mondo per percentuale di energia elettrica prodotta dal sole: l’8% del fabbisogno energetico del Paese. A questa quota concorrono anche i Consorzi di bonifica, grazie a 46 centrali solari (il maggior numero è in Emilia Romagna) per una potenza di oltre 2 milioni di kilowattora.

UE, necessari 253 miliardi per il decommissioning nucleare. Forse di più

Chapelcross_Nuclear_Power_Station_2

La stima è contenuta in un nuovo rapporto sull’industria nucleare europea realizzato dalla Commissione, ma secondo diverse associazioni ambientaliste gli Stati Membri saranno costretti a sborsare delle cifre ben maggiori per la gestione del fine vita delle centrali atomiche del continente.

Ambiente, università, turismo: ecco il progetto per Bagnoli

bagnoli-bonifica-bacino

Un'opera ambientale senza precedenti, l'ha definita il premier Matteo Renzi. Lo confermano i documenti pubblicati sul sito di Invitalia, l'Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, di proprietà del Ministero dell'Economia. L'hashtag è #rilanciobagnoli e una serie di slide illustrano il progetto di bonifica e di riqualificazione urbana dell'ex area industriale dell'Italsider, alle spalle di Napoli e di fronte a Nisida, dove Renzi ha visitato il carcere minorile e che sarà a sua volta oggetto di un intervento, con la costruzione di un porto turistico.

Nucleare, trasparenza: Italia "non disponibile"

nucleare-siti-scorie-nucleari

La Commissione Europea ha presentato ai Paesi Membri una raccomandazione riguardante l’applicazione dell’Articolo 103 del Trattato Euratom con il quale l’Unione si propone di regolamentare gli accordi con le terze parti in materia di nucleare. Questo processo di efficientamento e chiarificazione punta, tra le altre cose, a fissare gli standard per il recepimento anche delle nuove direttive sulla sicurezza, comprese quelle in materia di gestione del combustibile esausto delle centrali e in generale dei rifiuti radioattivi.